vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Divignano appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Novara

RISPOSTA AI SUGGERIMENTI DI UN CITTADINO

RISPOSTA AI SUGGERIMENTI DI UN CITTADINO

17 gennaio 2018

Prima Mail:
Tipo Richiesta: Suggerimento
Testo: Egr. Sig. Sindaco, o più semplicemente Gilu come spesso usi firmarti, propongo un mio pensiero alla tua valutazione. Nei mesi scorsi abbiamo cominciato ad utilizzare il servizio di "spesa online" che i supermercati il Gigante hanno attivato. Pur con alcuni limiti, peraltro facilmente superabili, ho apprezzato i vantaggi del fare la spesa da casa, davanti ad un computer o ad un tablet, in un momento di tranquillità senza consumare il sempre poco tempo utile della giornata. Io ti propongo di valutare la possibilità di una convenzione con il supermercato (che sono convinto per motivi pubblicitari gradirebbe molto) per forme agevolate e/o facilitate per i tuoi cittadini con particolare riguardo a talune categorie svantaggiate. Penso in particolare ad anziani non automuniti, a disabili e comunque a chiunque manifesti una palese necessità: con l'aiuto di un portatile qualche volenteroso (tra i tuoi collaboratori amministratori c'è forse una maggiore disponibilità rispetto a passate esperienze amministrative) potrebbe raccogliere la "lista della spesa" e con la macchina del Comune provvedere poi al ritiro e alla consegna a domicilio. Poco costo per il Comune, grande utilità per qualcuno meno fortunato, pubblicità per il supermercato (da sfruttare in trattativa!), un bel fiore all'occhiello per l'Amministrazione. Può darsi che già i Servizi Sociali offrano tale servizio per alcuni casi estremi, estenderlo a cura del Comune mi sembrerebbe meritevole. Per inciso mi risulta che la Esselunga, che offre già il "servizio a domicilio" a pagamento, avesse firmato una convenzione simile con il Comune di Sesto Calende per condizioni vantaggiose ai cittadini residenti: a Divignano i numeri penso sarebbero minimi, ma se mancassero i volontari o la macchina non fosse disponibile, anche un servizio a domicilio a tariffa "popolare" potrebbe essere interessante. Se il mio pensiero ti ha solleticato interesse o curiosità, se ne valuti l'utilità o la fattibilità, prova a sondare con i tuoi collaboratori i margini per una attivazione. Ti ringrazio per il tempo che hai dedicato alla mia mail, che ti chiedo espressamente non sia utilizzata pubblicamente con il mio nome e cognome in calce, come purtroppo è tuo uso: il mio vuole essere solo un modesto contributo propositivo alla tua attività amministrativa di un qualsiasi cittadino. Cordialmente saluto.

Seconda Mail:
Tipo Richiesta: Suggerimento
Testo: Egr. Sig. Sindaco, o meglio Gilu, segnalo alla tua attenzione la situazione di pericolo che la posa di un guardrail su iniziativa della precedente Amministrazione ha creato sulla "discesa" che dalla Piazza porta verso Agrate Conturbia (via B. Buozzi). Tale manufatto ha ristretto sensibilmente lo spazio utile della carreggiata, già sottodimensionata (tant'è che non ci stanno le due corsie regolamentari), e ora i tanti pedoni che la percorrono sono costretti a sperare di non essere travolti se due automezzi si incrociano, senza avere più la possibilità di uscire dall'asfalto e calpestare l'erba pur di non essere investiti. Peraltro tutti percorrono questo tratto di strada dal lato guardrail, sia quelli che "scendono" (correttamente contromano come prevede l'art.190 del Codice della Strada) sia quelli che "salgono" che si troverebbero oltretutto dalla parte del torto, con effetti importanti sotto l'aspetto assicurativo. Perchè non valutare l'ipotesi di "disegnare almeno" una corsia pedonale: non migliorerebbe la circolazione ma almeno si eliminerebbe il paradosso del pedone "vittima e colpevole". Un po' più costosa la rimozione di quell'orribile guardrail (veramente di pessimo gusto estetico, anche se di pregiato simil-acciaio Cortain) e la sua sostituzione con guardrail "a tratti brevi" con dei vuoti per consentire ai pedoni di sfuggire dalla strada o, meglio, di ripristinare i preesistenti paracarri in sasso, in numero adeguato a trattenere le auto in strada e nel contempo a consentire ai pedoni il transito in banchina. Non dico nulla di nuovo, trovi come era prima di quell'assurdo guardrail semplicemente digitando su GOOGLE EARTH e percorrendo la strada con Street Views (non è ancora stata aggiornata e puoi in un attimo valutare come fosse molto più sicura prima). Si potrebbe addirittura pensare ad una banchina opportunamente spianata e, perchè no, magari allargata con una passerella a sbalzo oltre il filare di platani: tecnicamente fattibile, e anche bella a mio giudizio, per certo economicamente più impegnativa. Di sicuro bisogna provvedere a ripristinare le piante tagliate perchè malate, solo le loro radici hanno garantito la stabilità della ripida costa sottostante e, quando le radici rimaste sottoterra inizieranno a breve a marcire, lo smottamento della strada è facile previsione. Non ho trovato nulla al riguardo sul tuo programma elettorale e solo in modo vago su quello dell'altra candidata, però forse una rivalutazione delle effettive priorità di intervento sul territorio è quantomeno d'obbligo, prima che "ci scappi il morto". Spero di aver almeno sollecitato una riflessione, confido in un intervento fattivo. Nel rispetto delle norme sulla privacy chiedo che la mia mail, se non cestinata, sia eventualmente letta da altri in forma riservata, omettendo il mio nome e cognome.

Oggetto: RISPOSTA AI SUGGERIMENTI
Ciao rispondo alle tue mail molto interessanti e propositive solo ora perché ci siamo ritrovati come gruppo di maggioranza lunedì sera e in quella sede ne abbiamo parlato.
In merito al suggerimento sulla spesa on-line chiederemo sicuramente un incontro con il Direttore del Gigante.
Per iniziare vorremmo istituire il servizio spesa/domicilio una mattina alla settimana anche se in principio non riusciremo a raccogliere le "liste della spesa" ma ci proporremo di ritirarla e recapitarla a domicilio.
Ne abbiamo parlato con la segretaria comunale e speriamo in tempi brevi di regolamentare la cosa.
Verrà fatto un regolamento, si stabiliranno dei criteri di valutazione considerando anche le situazioni di inabilità temporanea e creeremo una Commissione interna, coinvolgendo sicuramente anche la minoranza, che prenderà in esame le singole richieste che perverranno presso lo sportello dedicato.
Per la situazione di Via Buozzi è molto interessante il tuo intervento.
Purtroppo la strada ed il relativo guardrail sono di proprietà della Provincia e nulla si può fare, sarebbe stato possibile metterne uno frazionato, creando dei vuoti per consentire ai pedoni di mettersi in sicurezza al passaggio dei mezzi, solo in fase di progettazione ma così non è stato fatto.
Al momento ai pedoni è consigliato di passare da Via Montello utilizzando la scalinata già esistente.
Valuteremo sicuramente, nella speranza che il progetto venga finanziato con fondi Regionali, di creare una pensilina pedonale esterna ai nostri CARI PLATANI.
Siamo molto contenti che arrivino suggerimenti e lettere come ultimamente sta’ accadendo in modo da avere sempre nuovi stimoli e spunti su cui lavorare.
La NOSTRA DIVIGNANO è di tutti ed è bello che si stia svegliando dal torpore in cui era caduta.
Gilu&C.